Indice White Metal. Italian Christian Metal Website - Forum
::: www.whitemetal.it :::
 
PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum


Scommesse, giochi d'azzardo, lotterie etc e Cristianesimo
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Teologia, morale, spiritualità, apologetica, chiesa
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
TheSearcherOfTheLight







Età: 19
Registrato: 23/03/14 23:21
Messaggi: 542
TheSearcherOfTheLight is offline 







NULL
MessaggioInviato: Ven Apr 24, 2015 8:49 pm    Oggetto:  Scommesse, giochi d'azzardo, lotterie etc e Cristianesimo
Descrizione:
Rispondi citando

Apro questo topic, perchè volevo sentire un po' le vostre opinioni riguardo al rapporto tra attività come il gioco d'azzardo, le scomesse sportive (dalla semplice 'schedina' a cose un po' più serie), la lotteria e cose del tipo con la vita cristiana.

Personalmente non mi dedico a nessuna di queste attività, diciamo, per 'disinteresse'. Cioè, fanno parte di quelle cose che non mi attirano... anche se non esistessero sarebbe uguale. Però, sentendo talvolta cristiani che si dichiarano contrari anche ad qualunque 'Gratta&Vinci', per via del fatto che lo ritengono sbagliato, in quanto, secondo loro, se Dio vuole per te che tu sia ricco, prima o poi lo diventerai, se vuole che tu sia povero, non cambierai la tua posizione grazie a scommsse, giochi d'azzardo e cose varie, (posizione che in parte condivido) mi è venuto un po' da pensare. Anche se potrebbe pure essere che Dio permette ad una determinata persona di vincere una somma per un ben determinato scopo, forse...

Mi interesserebbe parecchio sapere qual è la vostra posiziome al riguardo (sempre nella speranza di essermi espresso bene e di aver fatto capire il mio quesito) e se ritenete che ci siano gli estremi per definire lo 'scommettere' come peccato.

E mi farebbe molto piacere un parere specialistico da parte dei due teologi del forum: Sesbassar e Sir Richard. Sorriso
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Sir Richard







Età: 25
Registrato: 11/10/07 14:43
Messaggi: 2688
Sir Richard is offline 

Località: In provincia di Roma
Interessi: Libri, musica, felini, cucina, vini e liquori



MessaggioInviato: Ven Apr 24, 2015 11:35 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Potrei sbagliare, ma non ci vedo nulla di male e non vedo perchè Dio non potrebbe servirsi anche di questo tipo di cose per benedire una persona.

Per quanto riguarda me, la penso come mio nonno: "io ho già vinto perchè non gioco". Eheh! In molti di questi "giochi", credo che le probabilità di vincere siano così basse che se dovessi vincere non ti rifaresti nemmeno dei soldi che hai speso fino a quel punto.

_________________
~ Organizzatore delegato dei raduni di Whitemetal.it ® ~

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


"Leggi, non per contraddire e confutare; non per credere e accettare; non per trovare materia di discorsi, bensì per soppesare e giudicare. Certi libri vanno assaggiati; altri, divorati; pochi masticati e digeriti." (Francis Bacon)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Sir Richard







Età: 25
Registrato: 11/10/07 14:43
Messaggi: 2688
Sir Richard is offline 

Località: In provincia di Roma
Interessi: Libri, musica, felini, cucina, vini e liquori



MessaggioInviato: Ven Apr 24, 2015 11:41 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Bisogna anche considerare il rischio di sviluppare una dipendenza: "giocare" è imprudente. Mi sembra di aver sentito che ci sono più persone dipendenti dal gioco e che magari ci sperperano tutto lo stipendio in poco tempo che persone dipendenti dalla droga.
_________________
~ Organizzatore delegato dei raduni di Whitemetal.it ® ~

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


"Leggi, non per contraddire e confutare; non per credere e accettare; non per trovare materia di discorsi, bensì per soppesare e giudicare. Certi libri vanno assaggiati; altri, divorati; pochi masticati e digeriti." (Francis Bacon)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
demonicida

amministratore


Gruppo degli Staffisti di WhiteMetal.it


Età: 30
Registrato: 21/09/06 22:41
Messaggi: 14344
demonicida is offline 

Località: italia




MessaggioInviato: Sab Apr 25, 2015 8:44 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Secondo me incappare in questo tipo di giochi senza creare una forma di dipendenza è molto difficile (o impossibile), per questo credo che sia molto probabilmente sbagliato a prescindere ...
_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Dragon Lady







Età: 28
Registrato: 11/10/06 14:26
Messaggi: 6297
Dragon Lady is offline 

Località: Mirkwood




MessaggioInviato: Sab Apr 25, 2015 11:15 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Io credo che sia più grande l'errore di chi pubblicizza il gioco d'azzardo rispetto a quello di chi gioca Sorriso
Anche per colpa della crisi c'è chi spera veramente di vincere e finisce per perdere il poco che ha già -sarà capitato anche a voi di vedere altre persone andare al bar e prendere un caffè e 50 euro di gratta e vinci Sconcerto
In linea di principio buttar via qualche soldo per una schedina ogni tanto non credo che sia sbagliato, ma il rischio di dipendenza c'è e quindi sarebbe meglio porre un limite al proliferare di miliardi di giochi diversi disponiibli ovunque...

_________________
Affronterai il più temuto dei nemici, una vera macchina da guerra. Affronterai me.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Sesbassar

moderatore


Gruppo degli Staffisti di WhiteMetal.it


Età: 32
Registrato: 20/04/10 19:06
Messaggi: 1254
Sesbassar is offline 






MessaggioInviato: Sab Apr 25, 2015 4:16 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Per quel che concerne la vita spirituale, la tradizione cristiana antica (seguendo la tradizione biblica) ha sempre parlato di idoli per quel che riguarda le cose dalle quali pretendiamo vita, benessere, felicità, ma che non possono garantirlo.
Le dipendenze non sono altro che forme di idolatria, e quindi esecrabili per il credente, in quanto sostituiscono altro a Dio, come fondamento della propria vita e felicità, nel cuore della persona.

Resta da vedere se l'oggetto di cui si diventa dipendenti è un male di per sè o relativo (il cibo non è un male in sè, ma la gola rimane comunque un peccato poiché sostituisce a Dio il cibo, idolatrandolo).
E' abbastanza evidente come il gioco d'azzardo sia un "gioco" solo per modo di dire: è costruito in modo da generare dipendenza, e minimizzare le possibilità di vittoria della persona, che si trova invischiata sempre più nel "gioco".
Negli altri giochi gli aspetti ludico e agonistico sono prevalenti (o si gioca per divertirsi, o per migliorarsi nella "lotta" contro un avversario), nel gioco d'azzardo questi sono secondari, il gioco diventa un fine e non un mezzo.

Sia ben chiaro, secondo l'impostazione dei padri del deserto (consiglio la lettura di Evagrio Pontico a chi fosse interessato), tutto può essere un idolo (anche un gioco non d'azzardo), se ne si diventa ossessionati. Il problema è però che il gioco d'azzardo per sua costituzione, tende ad assorbire tutta la persona al suo interno, a differenza degli altri giochi, i quali solo accidentalmente possono venire idolatrati da chi li scambia per il proprio Dio.

Al di là comunque delle diverse letture teologiche, spirituali o filosofiche che si possono fare, il mio modesto parere è che sale slot e casinò siano il luogo più marcio in cui Satana spinge gli uomini alla rovina negli ultimi anni. Non tanto per il peccato a cui spingono, quanto perché hanno un'apparenza ingannevole, come posti in cui ci si "diverte". Fosse per me le raderei al suolo col fuoco e tanta carità cristiana.

EDIT: Ti ringrazio Searcher per la stima, ma chiamarmi teologo sarebbe fare un torto a tutti quelli che studiano decenni per il dottorato Sorriso Io al massimo posso essere considerato un appassionato di teologia. Occhiolino

_________________
"A te conviene la giustizia, o Signore, a noi la vergogna sul volto" Dn 9,7

"<A me la vendetta, sono io che ricambierò> dice il Signore" Rm 12,19
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
LiukBi







Età: 45
Registrato: 25/05/13 09:08
Messaggi: 1985
LiukBi is offline 


Interessi: Metal



MessaggioInviato: Sab Apr 25, 2015 6:23 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
sentendo talvolta cristiani che si dichiarano contrari anche ad qualunque 'Gratta&Vinci', per via del fatto che lo ritengono sbagliato, in quanto, secondo loro, se Dio vuole per te che tu sia ricco, prima o poi lo diventerai, se vuole che tu sia povero, non cambierai la tua posizione grazie a scommsse, giochi d'azzardo e cose varie, (posizione che in parte condivido)

Allora da lunedì me ne sto a letto Risatina
È una battuta searcher, ma sai che, pur ritenendo che nulla è sotto il nostro pieno controllo, penso anche che noi ci salviamo per le scelte che facciamo, non tanto come ricompensa ma in quanto scegliere di essere uniti a Dio è già essere salvi. Il nodo è quello evidenziato da Sesbassar: Dio ci crea liberi, e che noi ci facciamo schiavi delle cose (non solo il gioco, qualsiasi cosa... o persona Ehhh... ) è il modo migliore per allontanarci da Lui... quindi lunedì mi alzerò per andare al lavoro Sigh!
Quanto al gioco d'azzardo vince solo quello che gioca ogni tanto (magari una sola) e quella volta che vince però deve vincere tanto e poi smettere. Sir ha ragione, è matematico che il giocatore abituale che pensa di vincere perché gioca tanto si sbaglia di grosso: se e quando vincerà avrà già sperperato un patrimonio Disperato
Poi se non gioco neanche quella volta è chiaro che non vincerò mai, e questa è una mia scelta. Ma se gioco senza esserne schiavo non sto facendo nulla di male; è come tutte quelle cose che facciamo per stare un po' meglio.
Anche il lavoro se lo uso per affermare me stesso o per potermi permettere le cose di cui sono schiavo non è affatto nobile.

_________________
Credo ci sia un piano per tutti noi. Sono dovuto morire... due volte... per imparare. Come si dice, le vie del Signore sono infinite. C'è a chi piace e a chi no. (John Constantine)

Un secondo... lei va di sotto? (Angela Dodson che si affretta per prendere l'ascensore)
No, se posso evitarlo... (John Constantine, che è già nell'ascensore)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
LiukBi







Età: 45
Registrato: 25/05/13 09:08
Messaggi: 1985
LiukBi is offline 


Interessi: Metal



MessaggioInviato: Dom Apr 26, 2015 11:25 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Evagrio???? No'sseposenti' Risatina
_________________
Credo ci sia un piano per tutti noi. Sono dovuto morire... due volte... per imparare. Come si dice, le vie del Signore sono infinite. C'è a chi piace e a chi no. (John Constantine)

Un secondo... lei va di sotto? (Angela Dodson che si affretta per prendere l'ascensore)
No, se posso evitarlo... (John Constantine, che è già nell'ascensore)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
TheSearcherOfTheLight







Età: 19
Registrato: 23/03/14 23:21
Messaggi: 542
TheSearcherOfTheLight is offline 







NULL
MessaggioInviato: Dom Apr 26, 2015 5:17 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Innanzitutto, grazie a tutti per le opinioni. Sorriso

Citazione:
Allora da lunedì me ne sto a letto È una battuta searcher, ma sai che, pur ritenendo che nulla è sotto il nostro pieno controllo, penso anche che noi ci salviamo per le scelte che facciamo, non tanto come ricompensa ma in quanto scegliere di essere uniti a Dio è già essere salvi. Il nodo è quello evidenziato da Sesbassar: Dio ci crea liberi, e che noi ci facciamo schiavi delle cose (non solo il gioco, qualsiasi cosa... o persona Ehhh... ) è il modo migliore per allontanarci da Lui... quindi lunedì mi alzerò per andare al lavoro


Beh, in effetti quella come posizione non è proprio il massimo, ed è probabilmente il frutto di una mente che non si è dilungata troppo in riflessioni teologiche, però la condivido in parte nel senso che, ritengo, che, aldilà delle nostre scelte, il SI o il NO finale appartiene a Dio. Se anche mi mettessi a calcolare tutti i sistemi possibili al mondo per sbancare alla lotteria e mi ci incaponissi, se Dio volesse ostacolarmi, perchè lo ritiene opportuno, credo che nessuno dei miei magheggi potrebbe fermare Dio, che è Sovrano. Poi, qualcuno potrebbe pure dirmi che questo era ovvio, però...

Però, come faceva notare Sir Richard, può darsi che, una volta, possa accadere che Dio decida di ispirare qualcuno a giocare per un certo fine. Ma credo che la cosa poi dovrebbe terminare lì, per rimanere nel 'giusto'.

Difatti riflettendo, mi ritrovo con l'opinione di Demonicida e Sesbassar, che mi sembra in forme diverse, porti allo stesso punto, ovvero: a causa della struttura stessa del gioco d'azzardo, mirata a produrre una dipendenza, esso deve essere per forza di cose considerato 'sbagliato'.

P.S. @Sesbassar
Ma con un laurea in teologia non ci si può definire teologi? (sembra una domanda cretina, però me la pongo) oppure per umiltà è meglio considerare tali solo coloro che, diciamo, 'teologano' ovvero, aldilà dei titoli di studio, si danno alla ricerca teologica 'originale', vanno alla ricerca di un pensiero 'nuovo'?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Sesbassar

moderatore


Gruppo degli Staffisti di WhiteMetal.it


Età: 32
Registrato: 20/04/10 19:06
Messaggi: 1254
Sesbassar is offline 






MessaggioInviato: Dom Apr 26, 2015 5:31 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Io ho una laurea magistrale in scienze religiose, che seppur dia una formazione teologica di base, non ha l'autorevolezza, nè la completezza, degli studi teologici propriamente detti.
_________________
"A te conviene la giustizia, o Signore, a noi la vergogna sul volto" Dn 9,7

"<A me la vendetta, sono io che ricambierò> dice il Signore" Rm 12,19
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
LiukBi







Età: 45
Registrato: 25/05/13 09:08
Messaggi: 1985
LiukBi is offline 


Interessi: Metal



MessaggioInviato: Dom Apr 26, 2015 11:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Sesbassar ha scritto:
Io ho una laurea magistrale in scienze religiose, che seppur dia una formazione teologica di base, non ha l'autorevolezza, nè la completezza, degli studi teologici propriamente detti.

Tze-tze... princincipiante... Risatina
Scherzo Devid, mi sono appena registrato sul tuo blog Headbanger
Che poi per qualcuno "scienze religiose" è una contraddizione in termini... magari ci scriverai un articolo... se non l'hai già fatto Ehhh...

searcher ha scritto:
riflettendo, mi ritrovo con l'opinione di Demonicida e Sesbassar, che mi sembra in forme diverse, porti allo stesso punto, ovvero: a causa della struttura stessa del gioco d'azzardo, mirata a produrre una dipendenza, esso deve essere per forza di cose considerato 'sbagliato'

Non so se hanno detto esattamente questo. C'è una questione di principio ed una di sostanza. Il principio non vuole che debba essere considerato per forza un peccato poiché questo risiede nell'esserne schiavi. Chi gioca una volta ogni tanto conserva l'aspetto ludico a prescindere dal valore del premio. È altamente improbabile vincere, è vero, eppure qualcuno da qualche parte vince. Anche in una tombola paesana è più facile perdere che vincere e ha un meccanismo simile all'azzardo, eppure qualche volta mi sono divertito a parteciparvi. È l'emozione di provare a vincere qualcosa di improbabile (e normalmente più è improbabile e maggiore è il premio) ma ancora possibile. Ma talmente improbabile che è da stupidi pensare di poter fregare il sistema giocando sistematicamente.
Moltissimi giocano in modo "sano", ma per molti subentra quella dipendenza o schiavitù che dir si voglia. E qui si inserisce la sostanza delle cose: in pratica gli stupidi ci sono; e si rovinano! Disperato per cui all'atto pratico sono con voi che sarebbe meglio radere al suolo quei posti. Ma allora tutti: sale slot, sale bingo, casinò! e vietare video poker, lotterie e compagnia bella.

In fondo anche una sigaretta non fa così male in sé; io detesto il fumo ma non sono tra quelli che pensa che il cristiano debba fuggire ogni fonte di piacere; semplicemente non deve esserne schiavo. Pertanto se per qualcuno una sigaretta è un piacere non sarò io a biasimarlo (basta che non mi fumi intorno). E anche se la sigaretta contiene sostanze che tendono a creare dipendenza ci sono milioni di persone che si limitano a fumare qualche sigaretta al giorno (chi vive in città forse respira di molto peggio). Ma all'atto pratico c'è chi la dipendenza la sviluppa eccome e il fumo è la prima causa di morte per malattia.
Con numeri minori e qualche distinzione qualcosa di analogo vale per l'alcol.
Dobbiamo eliminare tabacchi e bevande alcoliche, per tutti, perché c'è chi non sa controllarsi?
Non so, se guardiamo gli effetti pratici probabilmente sarebbe opportuno.
Però dobbiamo constatare che lo stato lascia liberi di uccidersi col fumo o l'alcol e di rovinarsi col gioco... però ti obbliga a mettere le cinture di sicurezza Yeahh! Bravo!!

_________________
Credo ci sia un piano per tutti noi. Sono dovuto morire... due volte... per imparare. Come si dice, le vie del Signore sono infinite. C'è a chi piace e a chi no. (John Constantine)

Un secondo... lei va di sotto? (Angela Dodson che si affretta per prendere l'ascensore)
No, se posso evitarlo... (John Constantine, che è già nell'ascensore)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
lailmil




Gruppo degli Staffisti di WhiteMetal.it


Età: 32
Registrato: 20/07/09 10:50
Messaggi: 1554
lailmil is offline 

Località: Torino~Palermo

Impiego: ecovegetorockettara
Sito web: http://lailmil.blogspo...

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2015 9:35 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Condivido in tutto quanto scritto da Devid. E aggiungo, a proposito di questo:

"Al di là comunque delle diverse letture teologiche, spirituali o filosofiche che si possono fare, il mio modesto parere è che sale slot e casinò siano il luogo più marcio in cui Satana spinge gli uomini alla rovina negli ultimi anni. Non tanto per il peccato a cui spingono, quanto perché hanno un'apparenza ingannevole, come posti in cui ci si "diverte". Fosse per me le raderei al suolo col fuoco e tanta carità cristiana. "

Io in quei posti non ci metto piede, ma in generale boicotto pure i bar che hanno macchinette mangiacervelli (qui a Torino purtroppo sono tantissimi) e i tabaccai sempre affollati di gente che scommette.
Che poi lo stato venda una cosa che sul pacchetto riporta "il fumo uccide" e lasci che ci siano centri scommesse legali (al di là della lotteria del 6 gennaio, che magari può essere pure carina) mi dà sempre una chiara idea del funzionamento del sistema in tutto il suo complesso. Ehhh...

_________________
"Se dovessimo lodarti come meriti, Signore, le nostre labbra brucerebbero per l'ardore della tua parola"

Dov'è il demonio non è la musica. Ma solo la voce monosillabica, inflessibile, che non si leva da terra.
Hai tramutato il mio lamento in danza

EoR 2011, EoR 2012, EoR 2013, EoR 2015
RftK 2013, RftK 2015
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
TheSearcherOfTheLight







Età: 19
Registrato: 23/03/14 23:21
Messaggi: 542
TheSearcherOfTheLight is offline 







NULL
MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2015 11:33 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Non so se hanno detto esattamente questo. C'è una questione di principio ed una di sostanza. Il principio non vuole che debba essere considerato per forza un peccato poiché questo risiede nell'esserne schiavi. Chi gioca una volta ogni tanto conserva l'aspetto ludico a prescindere dal valore del premio. È altamente improbabile vincere, è vero, eppure qualcuno da qualche parte vince. Anche in una tombola paesana è più facile perdere che vincere e ha un meccanismo simile all'azzardo, eppure qualche volta mi sono divertito a parteciparvi. È l'emozione di provare a vincere qualcosa di improbabile (e normalmente più è improbabile e maggiore è il premio) ma ancora possibile. Ma talmente improbabile che è da stupidi pensare di poter fregare il sistema giocando sistematicamente.
Moltissimi giocano in modo "sano", ma per molti subentra quella dipendenza o schiavitù che dir si voglia. E qui si inserisce la sostanza delle cose: in pratica gli stupidi ci sono; e si rovinano! Disperato per cui all'atto pratico sono con voi che sarebbe meglio radere al suolo quei posti. Ma allora tutti: sale slot, sale bingo, casinò! e vietare video poker, lotterie e compagnia bella.


Demonicida mi sembra abbia detto che, secondo lui, è quasi impossibile non incappare in questi giochi senza diventarne dipendenti e Sesbassar della costituzione stessa del gioco azzardo che lo distingue dagli altri giochi, e qui mi sembra che le posizioni convergessero. Poi è probabilissimo che io abbia capito male e abbia interpretato in modo sbagliato. Sorriso

Però, pensandoci, ci terrei a distinguere tra i giochi d'azzardo (slot machine, casinò) e scommesse sportive 'leggere' del tipo la classica 'schedina'.

Non credo abbiano esattamente lo stesso 'carattere'.

Anche perchè ricordo che anni fa, parliamo di 7-8 anni fa, quando seguivo molto il calcio, giocai un paio di volte una schedina. Però il divertimento almeno personalmente l'ho trovato più che nella speranza di vincere qualcosa (a 9-10 anni, del resto che me ne sarei fatto dei soldi?), nell'azzeccare i risultati delle partite.

Poi che ci sia chi è in grado di sviluppare una dipendenza da tutto, come facevi notare tu, LiukBi, putroppo è vero.
Ma del resto concordo con te, quando dici che un cristiano non debba per forza privarsi di ogni piacere.
Talvolta ho sentito addirittura parlare di 'demone del fumo', ma non credo che il tabacco, l'alcool o, qui forse però entro in territorio minato, una 'canna', usati responsabilmente facciano scadere dalla grazia, causino possessioni e tutto il resto...

Poi, vabbè, sui baristi che non se ne fregano molto del fatto che nei proprio locali le persone si distruggano la vita, là è un discorso che riguarda l'onestà e la coscienza della persona stessa (ma qua ci metterei pure quelli che vendono alcolici a persone che sanno essere alcolizzate, ma non gliene frega più di tanto, pur di mettere qualcosa in tasca). Purtroppo c'è poco da fare, se non mettere fuori legge l'intero sistenza che si è creato attorno alle slot machine & company, ma credo che questo andrebbe ad urtare contro gli interessi di molti.

Poi io personalmente tra la lotteria di un paese ed un buon vino o altro tipo di alcolico, credo che sia molto più piacevole il secondo Eheh! Eheh!

Citazione:
Io ho una laurea magistrale in scienze religiose, che seppur dia una formazione teologica di base, non ha l'autorevolezza, nè la completezza, degli studi teologici propriamente detti.


Ah, capisco. Io pensavo che fossero la stessa cosa...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
LiukBi







Età: 45
Registrato: 25/05/13 09:08
Messaggi: 1985
LiukBi is offline 


Interessi: Metal



MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2015 6:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

TheSearcherOfTheLight ha scritto:
Poi è probabilissimo che io abbia capito male e abbia interpretato in modo sbagliato. Sorriso ...

No-no, infatti il mio "non so" era realmente dubitativo.
Diciamo che io avevo posto di più l'attenzione sul discorso che il male sta nella schiavitù, perché lo condivido e perché io non sono così convinto che l'azzardo porti automaticamente alla dipendenza e all'autodistruzione. Intanto casinò o sale slot sono a disposizione di tutti esattamente come le sigarette; e non tutti scelgono di sperperare i propri averi col gioco o ammazzarsi col fumo.
Nel paese dove risiedo c'è una sala bingo e conosco una sacco di gente che ci va, anche con una certa frequenza e, anche se io mi divertirei in modo diverso, tutto sommato vedo che non tolgono il pane di bocca ai loro figli per questo. Ma ci sono milioni di persone che vanno al casinò a passare una serata senza diventarne dipendenti. Ci sono andato tre volte anch'io, due delle quali ho pure giocato. Potevo impiegare meglio quei 10 euri, sicuramente! ma allora anche quelli che spendo per bere una birra in un pub tanto perché se ci vai qualcosa devi prendere, poi a me manco mi piace la birra Risatina Linguaccia
Come conosco tantissime persone che fumano con moderazione.
E chiaramente ci sono quelli che fumano uno due pacchetti di sigarette al giorno... e allora li inviterei ad usare quei soldi per giocarsi tutti i giorni uno o due gratta e vinci, almeno risparmierebbero e avrebbero la speranza, per quanto remota, di vincere qualcosa, mentre col fumo hanno la possibilità concreta di beccarsi un cancro.
Credo stiamo sottovalutando che c'è tutto un mondo, che non fa notizia, di utenti di giochi d'azzardo che non si rovina e di fumatori che non si uccidono. È che tendiamo a identificare una cosa solo col suo lato negativo. Come dire che tutto il metal è satanico, o che se uno ascolta metal satanico finirà per ammazzare qualcuno, ecc. ecc..
E però il problema che sollevano effettivamente è grave (ma le sigarette lo sono molto di più del gioco d'azzardo, tanto per limitare la questione solo a queste due cose... ma quante ce ne sarebbero... ci metterei anche lo sci alpinismo Risatina ). Se tutti quelli che giocano d'azzardo si rovinano e tutti quelli che fumano si uccidono allora inutile stare a parlarne.
Ma se non è così penso che la domanda sia: è giusto che la mia libertà (fosse anche quella di fumarmi una sigaretta o farmi una puntata alla roulette) sia limitata per la stupidità di una certa fetta di persone?

Io in linea di principio risponderei no. Dio ci lascia liberi di scegliere se accogliere la salvezza o no, e io devo impedire a uno di fumarsi una cicca dopo il caffè? E quindi, per rispondere strettamente alla tua domanda, se è vero che non è possibile giocare d'azzardo senza diventarne dipendenti, io direi che scommettere è peccato; ma se è possibile giocare anche d'azzardo senza diventarne dipendenti, e la mia esperienza mi mostra questo (ma potrei leggere male la realtà), allora dico che scommettere per gioco in sé non è peccato.

Agli effetti pratici, però, 90000 morti/anno legate al fumo sono una montagna di dolore e sofferenza, che coinvolge famiglie e amici, spesso per molti anni, oltre al costo sociale imponente, secondo solo agli introiti che lo stato ha dal monopolio... ma tanto finché a pagare siamo noi... Allora, all'atto pratico, se una limitazione di questo tipo alla mia libertà servisse ad evitare tanto dolore, sarei ben lieto di rinunciare al fumo o all'azzardo perché lo stato ha bandito il consumo di sigarette o raso al suolo casinò e sale slot.
Poi gli stupidi troverebbero qualche altro modo ancora più stupido di distruggersi, ma almeno non gli avremmo reso le cose tanto facili.

Citazione:
a 9-10 anni, del resto che me ne sarei fatto dei soldi?

Sei ancora troppo giovane per gestire dei soldi. Se ti capita di vincere al lotto sai a chi darli Maligno

_________________
Credo ci sia un piano per tutti noi. Sono dovuto morire... due volte... per imparare. Come si dice, le vie del Signore sono infinite. C'è a chi piace e a chi no. (John Constantine)

Un secondo... lei va di sotto? (Angela Dodson che si affretta per prendere l'ascensore)
No, se posso evitarlo... (John Constantine, che è già nell'ascensore)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
LiukBi







Età: 45
Registrato: 25/05/13 09:08
Messaggi: 1985
LiukBi is offline 


Interessi: Metal



MessaggioInviato: Gio Apr 30, 2015 10:40 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

LiukBi ha scritto:
Nel paese dove risiedo c'è una sala bingo e conosco una sacco di gente che ci va, anche con una certa frequenza e, anche se io mi divertirei in modo diverso, tutto sommato vedo che non tolgono il pane di bocca ai loro figli per questo.

Eccallà Non va proprio
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Credo ci sia un piano per tutti noi. Sono dovuto morire... due volte... per imparare. Come si dice, le vie del Signore sono infinite. C'è a chi piace e a chi no. (John Constantine)

Un secondo... lei va di sotto? (Angela Dodson che si affretta per prendere l'ascensore)
No, se posso evitarlo... (John Constantine, che è già nell'ascensore)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
TheSearcherOfTheLight







Età: 19
Registrato: 23/03/14 23:21
Messaggi: 542
TheSearcherOfTheLight is offline 







NULL
MessaggioInviato: Gio Apr 30, 2015 5:11 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
No-no, infatti il mio "non so" era realmente dubitativo.
Diciamo che io avevo posto di più l'attenzione sul discorso che il male sta nella schiavitù, perché lo condivido e perché io non sono così convinto che l'azzardo porti automaticamente alla dipendenza e all'autodistruzione. Intanto casinò o sale slot sono a disposizione di tutti esattamente come le sigarette; e non tutti scelgono di sperperare i propri averi col gioco o ammazzarsi col fumo.
Nel paese dove risiedo c'è una sala bingo e conosco una sacco di gente che ci va, anche con una certa frequenza e, anche se io mi divertirei in modo diverso, tutto sommato vedo che non tolgono il pane di bocca ai loro figli per questo. Ma ci sono milioni di persone che vanno al casinò a passare una serata senza diventarne dipendenti. Ci sono andato tre volte anch'io, due delle quali ho pure giocato. Potevo impiegare meglio quei 10 euri, sicuramente! ma allora anche quelli che spendo per bere una birra in un pub tanto perché se ci vai qualcosa devi prendere, poi a me manco mi piace la birra Risatina Linguaccia
Come conosco tantissime persone che fumano con moderazione.
E chiaramente ci sono quelli che fumano uno due pacchetti di sigarette al giorno... e allora li inviterei ad usare quei soldi per giocarsi tutti i giorni uno o due gratta e vinci, almeno risparmierebbero e avrebbero la speranza, per quanto remota, di vincere qualcosa, mentre col fumo hanno la possibilità concreta di beccarsi un cancro.
Credo stiamo sottovalutando che c'è tutto un mondo, che non fa notizia, di utenti di giochi d'azzardo che non si rovina e di fumatori che non si uccidono. È che tendiamo a identificare una cosa solo col suo lato negativo. Come dire che tutto il metal è satanico, o che se uno ascolta metal satanico finirà per ammazzare qualcuno, ecc. ecc..
E però il problema che sollevano effettivamente è grave (ma le sigarette lo sono molto di più del gioco d'azzardo, tanto per limitare la questione solo a queste due cose... ma quante ce ne sarebbero... ci metterei anche lo sci alpinismo Risatina ). Se tutti quelli che giocano d'azzardo si rovinano e tutti quelli che fumano si uccidono allora inutile stare a parlarne.
Ma se non è così penso che la domanda sia: è giusto che la mia libertà (fosse anche quella di fumarmi una sigaretta o farmi una puntata alla roulette) sia limitata per la stupidità di una certa fetta di persone?

Io in linea di principio risponderei no. Dio ci lascia liberi di scegliere se accogliere la salvezza o no, e io devo impedire a uno di fumarsi una cicca dopo il caffè? E quindi, per rispondere strettamente alla tua domanda, se è vero che non è possibile giocare d'azzardo senza diventarne dipendenti, io direi che scommettere è peccato; ma se è possibile giocare anche d'azzardo senza diventarne dipendenti, e la mia esperienza mi mostra questo (ma potrei leggere male la realtà), allora dico che scommettere per gioco in sé non è peccato.

Agli effetti pratici, però, 90000 morti/anno legate al fumo sono una montagna di dolore e sofferenza, che coinvolge famiglie e amici, spesso per molti anni, oltre al costo sociale imponente, secondo solo agli introiti che lo stato ha dal monopolio... ma tanto finché a pagare siamo noi... Allora, all'atto pratico, se una limitazione di questo tipo alla mia libertà servisse ad evitare tanto dolore, sarei ben lieto di rinunciare al fumo o all'azzardo perché lo stato ha bandito il consumo di sigarette o raso al suolo casinò e sale slot.
Poi gli stupidi troverebbero qualche altro modo ancora più stupido di distruggersi, ma almeno non gli avremmo reso le cose tanto facili.


Il tuo discorso fila. Come sempre. Sorriso

Citazione:
Io in linea di principio risponderei no. Dio ci lascia liberi di scegliere se accogliere la salvezza o no, e io devo impedire a uno di fumarsi una cicca dopo il caffè? E quindi, per rispondere strettamente alla tua domanda, se è vero che non è possibile giocare d'azzardo senza diventarne dipendenti, io direi che scommettere è peccato; ma se è possibile giocare anche d'azzardo senza diventarne dipendenti, e la mia esperienza mi mostra questo (ma potrei leggere male la realtà), allora dico che scommettere per gioco in sé non è peccato


E qui, mi sa che hai centrato il punto. Sorriso

Citazione:
Sei ancora troppo giovane per gestire dei soldi. Se ti capita di vincere al lotto sai a chi darli


Più che altro mi preoccupano i modi strani che mi potrebbero venire in mente di impiegare il denaro... Risatina Risatina
Ma se mi dovesse capitare di vincere, mi ricorderò del 'suggerimento' Risatina Risatina
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Sesbassar

moderatore


Gruppo degli Staffisti di WhiteMetal.it


Età: 32
Registrato: 20/04/10 19:06
Messaggi: 1254
Sesbassar is offline 






MessaggioInviato: Ven Mag 01, 2015 12:52 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Visto che il discorso mi ha interessato parecchio, ho buttato giù degli appunti che concretizzerò in un articolo sul blog a breve! Anticipare tutto qui sarebbe impossibile, anche perché il discorso è molto complesso, e tocca sì la spiritualità ma anche la psicologia!

See u soon Headbanger

_________________
"A te conviene la giustizia, o Signore, a noi la vergogna sul volto" Dn 9,7

"<A me la vendetta, sono io che ricambierò> dice il Signore" Rm 12,19
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
LiukBi







Età: 45
Registrato: 25/05/13 09:08
Messaggi: 1985
LiukBi is offline 


Interessi: Metal



MessaggioInviato: Ven Mag 01, 2015 10:05 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

TheSearcherOfTheLight ha scritto:
Più che altro mi preoccupano i modi strani che mi potrebbero venire in mente di impiegare il denaro... Risatina Risatina
Ma se mi dovesse capitare di vincere, mi ricorderò del 'suggerimento' Risatina Risatina

Bravo!! Yeahh! Risatona

_________________
Credo ci sia un piano per tutti noi. Sono dovuto morire... due volte... per imparare. Come si dice, le vie del Signore sono infinite. C'è a chi piace e a chi no. (John Constantine)

Un secondo... lei va di sotto? (Angela Dodson che si affretta per prendere l'ascensore)
No, se posso evitarlo... (John Constantine, che è già nell'ascensore)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Sesbassar

moderatore


Gruppo degli Staffisti di WhiteMetal.it


Età: 32
Registrato: 20/04/10 19:06
Messaggi: 1254
Sesbassar is offline 






MessaggioInviato: Ven Mag 01, 2015 3:31 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Per chi volesse leggere ho cercato di condensare ciò che pensavo in
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Sorriso

_________________
"A te conviene la giustizia, o Signore, a noi la vergogna sul volto" Dn 9,7

"<A me la vendetta, sono io che ricambierò> dice il Signore" Rm 12,19
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
LiukBi







Età: 45
Registrato: 25/05/13 09:08
Messaggi: 1985
LiukBi is offline 


Interessi: Metal



MessaggioInviato: Sab Mag 02, 2015 12:00 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Bene, l'hai detto mooooooolto meglio tu ma in fondo siamo d'accordo. Anche sulle conclusioni, eccetto forse in un punto (ma magari approfondendo ci troveremmo allineati anche su questo):
"Qual è la linea di demarcazione netta e distinta che distingue il giocatore della tombola di paese, e il giocatore compulsivo da casinò?"
Per essere onesti dobbiamo dire che non ogni persona che gioca al casinò è o può diventare un giocatore compulsivo. Tu non dici questo nella tua domanda ma ci tengo a precisare. Ci può essere anche il giocatore assiduo ma non compulsivo, ma se consideriamo solo "giocatore" e "giocatore compulsivo" la linea di demarcazione è netta, mentre secondo me non è netta tra tombola di paese e casinò. O meglio, è netta ma forse la differenza sta solo nel fatto che uno per ammazzarsi di tombola dovrebbe mettersi a girare tutte le sagre possibili... è la gente è solo più pigra che stupida. Ma le sale bingo provano che la gente riesce ad ammazzarsi anche di tombola, a patto che glielo si renda facile.
Sarebbe "utile" qualche statistica che dicesse quanti sono i giocatori compulsivi tra tutti gli utenti dei casinò. Come sarebbe utile, supponendo per esempio che chi fuma meno di un pacchetto di sigarette al giorno abbia un rischio di beccarsi presto o tardi un tumore al polmone (o di fare un infarto o un ictus) ben più basso di chi ne fuma più di un pacchetto, sapere qual è la percentuale di chi fuma più di un pacchetto rispetto al totale dei fumatori.
Ad ogni modo, questo è un aspetto secondario in quanto mi è chiara la differenza (che se vogliamo è molto pratica) tra tombola di paese e casinò: nessuno potrà mai rovinarsi alle tombole di paese mentre è certo che ciò accade nei casinò, sale slot, bingo, ecc..
Ma quante sono le categorie alle quali si può applicare questo concetto? Bere succhi di frutta non ha mai ucciso nessuno mentre l'alcol sì. Se ti mettono un McDonald's ad ogni isolato anche il cibo diventa una piaga sociale; ma il problema sono i McDonald's? Se ti mettessero delle rivendite di verdure biologiche lesse, a parte che non funzionerebbero, non ci sarebbe alcun problema. È noto invece che negli USA il fast-food è un problema sociale e si sta cercando di porre qualche rimedio con delle campagne di sensibilizzazione. Non chiudendo i fast-food.
Mi scuso se continuo a tirare in ballo fumo e alcol, cibo, quando il tema è il gioco d'azzardo, ma è per rendere dei concetti e lanciare spunti di riflessione.
E continuo a pensare che il gioco d'azzardo, almeno quello di casinò, sale slot, ecc., vada come minimo regolamentato (se proprio non si può proibirlo) ma che nel principio ci sono comportamenti anche peggiori che però vengono tollerati o addirittura visti come imprese straordinarie (ma in senso positivo) solo perché non hanno la dimensione di "problema sociale".
Quasi scherzosamente ho citato lo sci alpinismo o fuori pista. Ma in fondo è calzante: anche fossi il più grande sciatore, dato l'elevato rischio (o azzardo), che garanzie avrei di non ammazzarmi o, peggio, provocare una valanga e seppellire qualcuno che non c'entra con il mio svago? Ogni volta che uno va fuori pista il rischio non è più quello che inevitabilmente c'è in tutte le cose che facciamo, e diventa una specie di roulette russa legata alla probabilità che io non commetta errori e che non ci sia qualcun altro in zona. Eppure, forse mi sbaglio, ma che io sappia ci sono solo delle zone in cui è vietato e generiche raccomandazioni quando sale il rischio valanghe.
Disciplinare tutto è impossibile. Se dovessi guardare al principio vieterei lo sci alpinismo, che è sempre un rischio per sé e per gli altri, mentre tollererei il gioco d'azzardo, che non necessariamente lo è. Cosa succederebbe se tutti quelli che vanno al casinò praticassero sci alpinismo? Ma poiché la gente è pigra lo sci alpinismo non ha la dimensione di problema sociale mentre il gioco d'azzardo sì. Quindi, se non si può disciplinare tutto, è doveroso intervenire almeno su questo fronte.

Alla fine, concordo che recuperare il valore della vita, propria e degli altri, sarebbe la soluzione per molti problemi. Utopia? probabilmente sì. Ma il cristiano ha il diritto/dovere di fare la sua parte.

_________________
Credo ci sia un piano per tutti noi. Sono dovuto morire... due volte... per imparare. Come si dice, le vie del Signore sono infinite. C'è a chi piace e a chi no. (John Constantine)

Un secondo... lei va di sotto? (Angela Dodson che si affretta per prendere l'ascensore)
No, se posso evitarlo... (John Constantine, che è già nell'ascensore)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Teologia, morale, spiritualità, apologetica, chiesa Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





White Metal. Italian Christian Metal Website - Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008